ARERA, l’Autorità di regolazione per energia elettrica, reti e ambiente

Un po’ di storia

In seguito all’introduzione da parte dell’Unione europea del mercato libero di energia elettrica e gas naturale, nel 1995 è nato un organismo con lo scopo di controllare il settore dell’energia, fissare le tariffe e tutelare i consumatori. L’obiettivo dell’ente era quello di monitorare la filiera del mercato energetico in Italia. All’inizio questo organismo si chiamava AEEG e regolava solo l’energia elettrica e il gas. In seguito, ha assunto il nome di AEEGSI, iniziando a monitorare anche il settore dell’acqua potabile. Ed infine nel 2018 con il conferimento di poteri in materia ambientale è stato denominato ARERA (Autorità di regolazione per energia, reti, ambiente).

Quali sono le funzioni principali dell’ARERA?

L’autorità ha svariati compiti, ma la sua funzione principale è quella di promuovere la diffusione di un servizio energetico di qualità su tutto il territorio nazionale. La nascita di questa istituzione ha permesso ai consumatori che non hanno aderito al libero mercato di essere tutelati.  La creazione di tariffe fisse sui servizi energetici per questo tipo di utenti è una delle tante prerogative dell’ARERA, che nello specifico si occupa di:

  • creare le regole per garantire un’equa distribuzione e qualità dei servizi;
  • vigilare le attività dei fornitori di energia;
  • fissare le tariffe per la fornitura del servizio di maggior tutela e vigilare insieme al Ministero dell’economia e delle finanze sulla Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA);
  • comunicare proposte e suggerimenti al Governo e al Parlamento per favorire l’efficienza energetica a livello nazionale;
  • accogliere i reclami e risolvere le controversie fra utenti e fornitori.

Le tariffe sono stabilite secondo criteri ben precisi e sono consultabili sulla pagina web ufficiale dell’Autorità di regolazione per energia, reti, ambiente, insieme a tabelle, disposizioni legislative ed informazioni per gli utenti.

Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente e GSE

Accanto all’ARERA esiste un organismo che ha mansioni diverse, ma opera in modo complementare. Il Gestore dei servizi energetici GSE è nato sempre in seguito alla liberalizzazione del mercato energetico in Italia, ma la sua funzione era tradizionalmente legata al dispaccio dell’energia elettrica. Quale gestore di servizi elettrici si occupava soprattutto della trasmissione dell’elettricità a livello nazionale. A partire dal 2005 questa funzione è passata a Terna Spa ed oggi GSE ha la finalità di promuovere lo sviluppo sostenibile, incentivando la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Tra i suoi vari compiti, il GSE si occupa di:

  • collocare sul mercato l’energia che proviene da fonti rinnovabili;
  • rilasciare le certificazioni per la qualificazione degli impianti che funzionano con le energie rinnovabili e i certificati di garanzia;
  • offrire il proprio supporto ad istituzioni pubbliche fornendo dati, studi e consulenze specialistiche;
  • informare sia i consumatori che gli operatori del settore sui vantaggi delle rinnovabili e sul loro funzionamento.

A differenza dell’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, il GSE non è un organismo indipendente, ma una società controllata dal Ministero dell’economia e delle finanze.  Ha un ruolo essenziale nel monitoraggio e nella verifica degli impianti e gestisce il rilascio dei cosiddetti Certificati bianchi, titoli che certificano il risparmio di risorse in seguito agli interventi per migliorare l’efficienza energetica. Non può fissare prezzi e tariffe come fa invece l’ARERA.

Come è cambiato il mercato energetico in Italia?

Il decreto Bersani, attraverso il quale è stata recepita in Italia la liberalizzazione del mercato energetico ha rappresentato una svolta storica. Prima di questo provvedimento esisteva un regime di monopolio con un unico ente che controllava non solo l’approvvigionamento, ma anche la produzione, la distribuzione, il trasporto e la vendita.  Dopo il decreto le varie fasi sono state separate e per ogni ciclo intervengono società differenti. Le attività di trasmissione e distribuzione restano ancora nelle mani di un unico ente monitorato dallo Stato, che è tenuto a concedere a tutti i fornitori che presentano le condizioni necessarie la possibilità di usufruire delle infrastrutture. Ciò significa che i fornitori possono acquistare e vendere energia elettrica senza produrla o distribuirla.  Questo scenario favorisce la competitività e l’abbassamento delle tariffe, generando una situazione più vantaggiosa rispetto al regime di monopolio.

Che cosa è il mercato di maggior tutela?

Il mercato o servizio di maggior tutela è il servizio di fornitura di energia con le tariffe stabilite dall’ARERA. In seguito alla liberalizzazione del mercato dell’energia l’utente può scegliere il proprio fornitore di gas ed elettricità. C’è anche chi ha deciso di non aderire al libero mercato. Questi utenti usufruiscono del mercato di maggior tutela e pagano la fornitura energetica alle condizioni contrattuali ed economiche fissate dall’Autorità.  I prezzi vengono determinati ogni tre mesi e le tariffe variano a seconda della fascia oraria. Il costo di un kwh dipende non solo dal volume dei consumi, ma anche dal tipo di mercato. Le modalità attraverso le quali sono stabiliti i prezzi nel regime di maggior tutela cambiano rispetto al libero mercato. In quest’ultimo caso il fornitore può decidere di bloccare le tariffe fino a dodici mesi oppure offrire bonus e incentivi. Anche il PUN, che è il prezzo di riferimento dell’energia quotata in Borsa, ha un ruolo fondamentale nella definizione del costo dell’energia elettrica.

Tutela del consumatore

Uno dei vantaggi principali del libero mercato è quello di poter offrire trasparenza ai consumatori. Le tariffe bloccate rappresentano sicuramente un vantaggio ed evitano un brusco aumento dei prezzi. Inoltre, l’utente può sempre essere informato sulle condizioni dei servizi ed ha la possibilità di scegliere fra le varie tipologie di bolletta quella più indicata alle sue esigenze. Wikiwi è una delle società fornitrici di energia presente sul libero mercato. Grazie a prezzi vantaggiosi, ti garantisce offerte luce e gas sempre convenienti. Sottoscrivendo un nuovo contratto con wekiwi, avrai la garanzia di pagare luce e gas al miglior prezzo del momento con tariffa bloccata per 12 o 24 mesi e grazie all’App dedicata, potrai gestire la tua fornitura e monitorare i consumi comodamente dal tuo smartphone.

In evidenza