Tipologie di caldaia a gas, funzionamento e detrazioni

Le caldaie a gas provvedono al riscaldamento degli ambienti e dell’acqua corrente, incidendo in modo sensibile sulla quotidianità di ogni famiglia, sia dal punto di vista dell’efficienza che dei costi. Quando si decide di acquistare o sostituire una caldaia a gas, è bene dunque conoscerne i vantaggi e gli svantaggi, in modo da compiere la scelta migliore per le proprie esigenze. In commercio esistono 3 diverse tipologie di caldaie a gas: a metano, a GPL o a condensazione; ognuna delle quali può offrire differenti funzionalità e vantaggi.

La caldaia a metano

Quella a metano è la tipologia di caldaia più comune, che si allaccia direttamente alla rete di distribuzione cittadina. Questa versione dispone di due circuiti separati per il riscaldamento degli ambienti e dell’acqua corrente. Il gas introdotto nella caldaia viene bruciato in una camera di combustione, che può essere di tipo aperto o chiuso. La combustione del gas consente di riscaldare l’acqua che circola nei due circuiti: quello del riscaldamento domestico e quello dell’acqua calda sanitaria. Ciascun circuito è provvisto infatti di uno scambiatore di calore che trasferisce l’energia termica all’acqua, che viene poi veicolata ai termosifoni e ai rubinetti dell’impianto idrico domestico. Il circolatore regola il flusso di acqua nell’impianto di riscaldamento, mentre la valvola collocata tra il contatore e la caldaia permette di regolarne la potenza. I fumi di scarico vengono invece veicolati verso l’esterno tramite apposite canalizzazioni. Le caldaie a metano tradizionali sono economiche, si trovano in versione centralizzata nei condomini e hanno dei costi di manutenzione contenuti. La loro efficienza è tuttavia inferiore alle nuove tipologie di caldaie a gas a condensazione e pertanto non beneficiano di eventuali agevolazioni per l’acquisto.

La caldaia a GPL

La caldaia a GPL ha un funzionamento simile alla versione a metano, ma richiede l’utilizzo di tubazioni specifiche e non isolate per permettere al propano liquido di gasificare correttamente, impedendo la formazione di ghiaccio sulle condutture. Questa caldaia si utilizza negli edifici che non sono raggiunti dalla rete di distribuzione del gas del proprio comune. Pertanto, è necessario disporre di un sistema di approvvigionamento dedicato, che possono essere delle semplici bombole oppure dei serbatoi centralizzati. La caldaia a gas per acqua calda alimentata a GPL può essere utile nelle abitazioni che sorgono in zone isolate e ha dei costi di manutenzione piuttosto contenuti. Lo svantaggio, invece, è quello di dover provvedere regolarmente alla sostituzione delle bombole o al rifornimento dei serbatoi a costi superiori rispetto alla fornitura di gas cittadino.

La caldaia a gas a condensazione

Quelle a condensazione sono le più moderne ed efficienti caldaie a metano attualmente disponibili. Grazie a uno speciale scambiatore-condensatore, questo tipo di caldaia a gas per riscaldamento è in grado di assorbire il calore residuo dei fumi di scarico, permettendo di utilizzarlo per la produzione di acqua calda. Tale sistema permette d’incrementare l’efficienza energetica dell’impianto di riscaldamento fino al 30% rispetto ai modelli tradizionali. Inoltre, contribuisce a ridurre le emissioni inquinanti fino al 70%, permettendo di usufruire di alcune vantaggiose agevolazioni sull’acquisto di una nuova caldaia a condensazione.

Caldaia a camera aperta o chiusa: le differenze

Le caldaie a gas metano tradizionali si dividono nei modelli a camera aperta o chiusa. Le caldaie di vecchia generazione a camera aperta (tipo A) non dispongono di una canna fumaria e devono essere necessariamente installate all’esterno con i dovuti adeguamenti per le norme antinquinamento. Quelle di tipo B sono provviste di canna fumaria a tiraggio naturale, che ne consente l’installazione anche in ambienti chiusi, ma ben areati. Tuttavia, necessitano dell’applicazione di una copertura adeguata sulla camera di combustione, che comporta un’ulteriore spesa aggiuntiva.

Le caldaie a camera chiusa o stagna (Tipo C) sono invece installabili in spazi chiusi senza la necessità di ulteriori interventi, grazie alla presenza di una canna fumaria con ventilazione forzata che smaltisce i gas di scarico con estrema efficacia. Il vantaggio di questa soluzione, che è oggi la più diffusa, consiste nella versatilità e nell’assenza di spese aggiuntive per la messa in opera. L’adeguata ventilazione dei locali è comunque richiesta, per ragioni di sicurezza in caso di perdite, anche per la caldaia a camera stagna.

Detrazioni per la sostituzione della caldaia a gas

Il cosiddetto “Bonus Caldaia” prevede una detrazione variabile dal 50% al 65% sull’acquisto e l’installazione di una nuova caldaia a condensazione. Tali benefici riguardano esclusivamente le caldaie a condensazione di Classe A e non sono previsti per tutti i modelli di classe energetica inferiore. Per ottenere la detrazione del 50% è sufficiente sostituire la propria caldaia con un modello a condensazione di Classe A. La detrazione del 65% richiede anche la contestuale installazione di un sistema di termoregolazione evoluto di classe V, VI o VIII, ma si può ottenere anche con l’acquisto di un sistema ibrido a condensazione con pompa di calore. Esiste inoltre l’opportunità di beneficiare del Superbonus del 110% effettuando contestualmente uno dei cosiddetti “lavori trainanti”, ovvero:

  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con sistemi centralizzati di nuova generazione e di Classe A per il raffrescamento, il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria,
  • gli interventi d’isolamento termico su almeno il 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio.

Con Wekiwi la caldaia a gas costa meno

La caldaia a gas è tra i sistemi di riscaldamento domestico più convenienti, ma a incidere sui costi in bolletta non sono solo le caratteristiche dell’impianto. La scelta di un fornitore gas affidabile e conveniente, infatti, permette di ridurre notevolmente i costi di approvvigionamento. Wekiwi, con l’innovativo sistema di carica mensile, permette di programmare le proprie spese in base ai consumi reali, eliminando i costi arbitrari forfettari imposti dai fornitori tradizionali. Il prezzo del gas collegato al mercato all’ingrosso è un’ulteriore garanzia di risparmio, sia che si scelga la tariffazione fissa oppure quella variabile. Wekiwi offre inoltre degli sconti ai clienti più virtuosi, che rispettano i consumi programmati e usufruiscono dei servizi di assistenza digitali. E con il passaparola, si possono ottenere ulteriori sconti sulla bolletta riscattabili mediante l’utilizzo dei codici promozionali.

In evidenza