Confronta tariffe gas: prezzi di tutela e mercato

La struttura dei prezzi del Gas ricorda in estrema sintesi l’assetto tipico del mercato dell’energia elettrica, essendo presente un prezzo “tutelato” e un insieme di prezzi di mercato offerti dagli operatori. In entrambi i mercati si presenta dunque la stessa necessità, e cioè la scelta tra prezzi di tutela e di mercato: qual è il più conveniente?

Il servizio di tutela nel Gas naturale è sostanzialmente una fornitura a prezzi “controllati”. Ciò significa che l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas definisce periodicamente le condizioni economiche che devono essere applicate ai Clienti che scelgono il servizio di tutela.


Chi sono i clienti che scelgono il servizio di tutela?

Sono quei Clienti che non hanno mai cambiato fornitore o che hanno scelto un nuovo fornitore da cui vogliono però essere riforniti alle condizioni di tutela; in tal caso il trader da cui si forniscono è tenuto ad applicare i prezzi del servizio tutelato. A differenza del settore dell’energia elettrica, infatti, nel mercato del gas i Clienti possono richiedere anche ai fornitori del mercato libero l’applicazione delle condizioni di tutela.

L’Autorità ha preferito dunque realizzare una sorta di “palestra” con prezzi controllati nella quale i Clienti possano sperimentare il mercato libero, lasciando loro, al tempo stesso, la possibilità di tornare sul mercato tutelato, attraverso una richiesta di recesso contrattuale.


Come sono fatti i prezzi di tutela del Gas?

Se intendiamo comprendere nel dettaglio le tariffe di tutela Gas, ecco il link dell’Autorità dove sono illustrate: http://www.autorita.energia.it/it/dati/condec.htm.

Esempio di tabella tariffaria per il prezzo di tutela definito dall'Autorità

Esempio di tabella tariffaria per il prezzo di tutela definito dall’Autorità

Si tratta di tabelle tariffarie un po’ articolate, perché evidenziano le diverse componenti della bolletta differenziate anche per ambito territoriale. Come già illustrato nel nostro articolo riguardante la guida alla bolletta del gas, queste tabelle includono gli aggiornamenti di:

  • Servizi di vendita – materia prima gas, commercializzazione al dettaglio, oneri aggiuntivi, oneri di gradualità;
  • Servizi di rete – distribuzione e misura, oneri, trasporto.

Ai nostri fini è importante concentrare l’attenzione sulla materia prima gas, che rappresenta l’ambito di attività in cui opera e su cui può influire wekiwi, mentre le altre componenti sono analoghe tra i diversi fornitori.


Come si aggiorna la materia prima gas del servizio di tutela?

L’Autorità giustamente intende proporre una modalità di aggiornamento pubblica e consultabile, rappresentata dal mercato al termine del gas naturale gestito dal GME. Tuttavia, in attesa del pieno funzionamento di tale mercato, si utilizzano i prezzi che si formano sulla Borsa olandese TTF, consultabili al seguente link: https://www.eex.com/en/market-data/natural-gas/spot-market/ttf#!/2016/01/11. A nostro avviso si tratta di indicatori di mercato molto validi, anche perché pubblici e trasparenti.

Negli ultimi anni i prezzi del gas si sono mediamente tenuti su livelli molto bassi.

Nota bene che i dati all’ ingrosso del gas sono espressi in €/MWh, mentre le bollette sono espresse in €/Smc (euro o centesimi di euro per Standard metro cubo). Per ottenere il valore in €/Smc si può, attraverso alcune semplificazioni, dividere il dato in €/MWh per il fattore 104,23.


Confronto tariffe gas: prezzi di tutela e mercato, quale conviene?

Arriviamo dunque al tema della convenienza tra prezzi di tutela e prezzi di mercato. Come per l’energia elettrica anche nel gas esiste la scheda di confrontabilità. E’ questo il documento chiave che consente di capire se l’offerta è competitiva o meno rispetto al servizio di tutela. Ogni fornitore deve pubblicare infatti una scheda da allegare al contratto che contenga le informazioni qui descritte (a titolo esemplificativo):

La scheda di confrontabilità permette un confronto immediato e trasparente tra le diverse tariffe.

In sostanza la scheda di confrontabilità evidenzia per ciascun ambito tariffario, e anche per scaglioni di consumo annuo, se l’offerta del fornitore selezionato è più alta o più bassa di quella offerta dal servizio di tutela. Ecco perché consigliamo sempre al Cliente di consultarla!

Per confrontare i prezzi offerti da un operatore del mercato libero e i prezzi tutelati, si può paragonare il prezzo della materia prima gas che, come si nota dalla tabella sopra riportata, nel caso del servizio di tutela è intorno ai 30 €c/Smc.

Verifica prima di firmare un contratto se il tuo fornitore ti propone un prezzo inferiore o superiore a questa soglia, e vedrai che esistono ottime offerte anche sul mercato libero!

In evidenza