Quanto consuma mediamente il frigorifero ogni giorno?

A incasso, a una o due porte, tradizionale o smart, il frigorifero è il re degli elettrodomestici in cucina: occupa uno spazio fondamentale nelle nostre case e resta acceso 24 ore su 24. Quanto consuma un frigorifero in media? La risposta dipende da diversi fattori che vedremo tra poco e che devono essere tutti oggetto di un’attenta valutazione. I consumi di questo apparecchio sono comunque alti rispetto ad altri elettrodomestici. In generale, il suo impatto sui costi della bolletta è elevato: può incidere fino al 15%-20% del totale. Una volta compreso quanto consuma un frigorifero, resta da capire quali accorgimenti bisogna adottare per risparmiare sul suo stesso consumo e, in generale, su quello dell’energia elettrica.

I consumi dei frigoriferi sono molto diminuiti negli anni, contribuendo a un notevole risparmio energetico per ogni famiglia. Dal 2012 è possibile vendere esclusivamente, e quindi acquistare, elettrodomestici con classe di efficienza energetica più performante. Per cui, quando ti domandi quanto consuma un frigorifero, considera innanzitutto che i moderni apparecchi di classe energetica alta sono più efficienti. È stato calcolato che arrivano a consumare fino al 50% di energia in meno rispetto a quelli con bassa efficienza energetica. Hai mai sentito parlare, poi, di misuratori di consumo elettrico? Sono strumenti che, se utilizzati, aiutano a capire precisamente quanti watt consuma un frigorifero: sono simili a delle prese elettriche e sono capaci di rilevare, in tempo reale, la potenza, il tempo di funzionamento, il consumo energetico e altri parametri. 

Il mio frigo consuma troppo? Ecco i valori medi giornalieri

Ci sono diversi aspetti da considerare per capire quanto consuma un frigorifero in media. Uno dei primi fattori è l’appartenenza dell’apparecchio a una determinata classe energetica. I consumi variano in base a una scala che va dalla G, la meno efficiente, di colore rosso, alla A, la più efficiente, di colore verde scuro. Oltre alla classe energetica e all’età dell’elettrodomestico, gli altri elementi da cui dipendono i consumi elettrici di un frigorifero sono le dimensioni e la capienza (maggiori sono questi due elementi, più consuma), la capacità di raffreddamento (in modo da evitare inutili dispersioni di calore per ottimizzare i consumi senza cali di prestazioni), la posizione (lontano da fonti di calore e dal muro, per evitare perdite di efficienza) e la temperatura interna (mantenerla costante è fondamentale per non compromettere l’efficienza del frigorifero anche in presenza di condizioni climatiche esterne variabili). 

Cosa significa questo consumo in termini di costi?

Rispetto ad altri elettrodomestici un frigo, teoricamente, è sempre connesso all’elettricità. Per cui, quanto consuma un frigorifero al giorno? Si stima che in genere una potenza compresa tra i 100 e i 300 Watt si traduca in un consumo di circa 100-240 Watt all’ora. Quanti kw consuma un frigorifero in base alla classe energetica di appartenenza? E quanto consuma in euro? Le classi A e B consumano dai 300 ai 400 kWh all’anno con una spesa che varia dai 60 euro agli 80 euro all’anno. La classe G è la meno efficiente a livello energetico con consumi che possono sfiorare anche gli 800 kWh per una spesa annua di 150-200 euro. 

Quanto consuma un frigorifero classe F? In questa fascia rientrano modelli che possono arrivare a consumare fino a 700 kWh l’anno, per una spesa complessiva superiore ai 100 euro.  Va fatta, però, una precisazione. Il frigorifero, in realtà, non resta acceso di continuo, o meglio: si attiva solo quando serve per ridurre la temperatura interna, quindi nel calcolo del consumo medio del frigorifero va considerata una durata di funzionamento di circa 8-10 ore al giorno. Se prendiamo come esempio un apparecchio con una potenza di 150W, otteniamo un consumo medio giornaliero di 1-2 kWh. 

Come ridurre i consumi frigo?

Se ti preoccupano i rincari dell’energia elettrica e stai facendo i conti su quanto consuma il frigorifero che hai in casa e quanto puoi risparmiare, un primo passo è quello di adottare buone pratiche nel quotidiano ed evitare piccoli sbagli. Il frigo deve trovarsi a una distanza di circa 20 centimetri dalle pareti, permettendo una sufficiente aerazione, lontano dalle fonti di calore, quindi, da forno e termosifoni. Non vanno inseriti i cibi ancora caldi che riscaldano l’ambiente interno, con maggiore consumo di kw, e causano la formazione della brina. 

Lo sportello andrebbe aperto e chiuso con rapidità. Il frigo non andrebbe mai eccessivamente riempito, ma nemmeno lasciato vuoto: anche quando vai via per qualche giorno e non lo stacchi, in attesa di acquistare alimenti freschi puoi riporre delle bottiglie di acqua che, grazie alla loro capacità termica, permettono di mantenere bassa la temperatura interna. A ogni ripiano la sua temperatura: la parte centrale dell’apparecchio dovrebbe essere dedicata ai cibi che richiedono una conservazione a temperatura vicina ai 5°C. Il cassetto per frutta e verdura ha una temperatura di 6-7°C, quello di carne e pesce va da 0 e 1°C. Tienilo pulito – usando semplici ed ecologiche soluzioni come acqua e bicarbonato o acqua e aceto bianco – e provvedi periodicamente alla sua manutenzione.  

Vuoi risparmiare energia e avere una diminuzione dei costi in bolletta? Scegli un fornitore come wekiwi in grado di proporti interessanti offerte, a prezzo fisso o variabile, per i privati e per le aziende. Un grande vantaggio per gli utenti è, per esempio, il metodo di fatturazione che prevede una carica mensile decisa dal cliente. Vengono emesse così le fatture in base alla carica e in seguito viene effettuato il conguaglio. 

Per capire se la carica mensile rispecchia i reali consumi, puoi utilizzare l’App wekiwi o l’area riservata e cambiare l’importo della carica per ottenere uno speciale sconto in bolletta. E ricordati che wekiwi ti premia se inviti i tuoi amici ad attivare i servizi della luce: con il Passaparola, tu e i tuoi amici avrete subito uno sconto in bolletta. Inizia subito a risparmiare sulla tua bolletta con wekiwi! Contattaci qui

In evidenza