Quando arriva il conguaglio gas? Tutto quello che devi sapere

Che cos’è il conguaglio del gas? 

Per conguaglio gas si intende un’operazione di confronto tra la quantità di gas effettivamente consumata e la quantità fatturata e pagata. Questa procedura può avvenire mentre il contratto di fornitura è attivo oppure al momento della rescissione dello stesso contratto. In questo secondo caso si parla di “fattura di chiusura”. Il conguaglio gas può essere positivo o negativo a seconda che l’adeguamento al consumo effettivo comporti un aumento o una diminuzione rispetto alla spesa già sostenuta. Se un cliente ha pagato meno di quanto ha consumato deve corrispondere la dovuta differenza. Se, al contrario, ha pagato di più ha diritto a essere rimborsato nelle modalità previste all’atto di sottoscrizione del contratto col fornitore. 

Come funziona conguaglio bollette? 

Attualmente, a differenza di quanto avviene nel settore dell’energia elettrica con appositi contatori, il comparto del gas non consente il controllo da remoto degli apparecchi attraverso le auto-letture, dunque non permette ancora di sapere in tempo reale quanto gas venga erogato per ogni abitazione o locale. Ecco perché occorre un conguaglio del gas una volta appurato il consumo effettivo da parte di un cliente attraverso il monitoraggio da parte di un addetto incaricato del fornitore di gas. Dunque l’idea del conguaglio della bolletta del gas è frutto di una politica di fatturazione pensata per andare incontro alle esigenze dei clienti che hanno consumi di gas che presentano variazioni considerevoli soprattutto alla stagionalità. Secondo questa modalità, pertanto, le bollette estive saranno più leggere di quelle invernali.

Come viene calcolato il conguaglio del gas?

La modalità più adottata dai fornitori di gas è quella della fatturazione ad acconto, di solito una fatturazione mensile o bimestrale di una quantità stimata di gas consumato. Quest’ultima è calcolata sulla base delle regole dell”Autorità garante per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico (ARERA). È sempre ARERA ad aver stabilito alcune forme di tutela relative ai contratti che prevedono i conguagli. Il conguaglio del gas è effettuato successivamente dal venditore confrontando i consumi effettivi con il totale già pagato dall’utente. Quando arriva il conguaglio del gas? Questo tipo di bolletta viene emesso quando il fornitore, obbligato a eseguire almeno una lettura del gas, ha a disposizione un consumo reale successivo a letture stimate, il che, solitamente, avviene almeno una volta all’anno. Solitamente ci si regola così: i consumi di gas devono essere rilevati almeno due volte l’anno se l’utente consuma tra i 500 e i 5000 Smc. È sufficiente, invece, la rilevazione una volta soltanto se sono utilizzati meno di 500 Smc (per avere un ordine di grandezza come riferimento, una famiglia italiana consuma in media, ogni anno, attorno ai 700-800 Smc). 

Come capire se stai spendendo troppo?

Per quanto riguarda, invece, le offerte del mercato libero dell’energia, le regole vengono stabilite dalle singole aziende di fornitura nel contratto con l’utente finale. In molti casi, le società dell’energia consentono di inviare periodicamente l’autolettura del contatore, così da emettere bollette basate il più possibile sul consumo effettivo ed evitare un conguaglio del gas troppo alto. 

Con la fattura dinamica di Wekiwi potrai capire se stai spendendo più o meno della Carica mensile da te attivata e potrai regolare i tuoi consumi sulla base di questo o modificare la taglia per renderla più coerente con i consumi effettivi. Ma puoi capire cos’è il conguaglio del gas, come viene calcolato e a quanto ammonta quando ricevi la fattura relativa. Se hai sottoscritto un contratto con Wekiwi, il conguaglio che riceverai è calcolato sulla base dei consumi effettivi del mese di settembre rispetto alla carica mensile da te scelta: si tratta di una forma di abbonamento da noi proposta, responsabile e perfettamente aderente ai consumi effettivamente realizzati. 

 

Anche per la fattura di conguaglio gas 2022 di Wekiwi, il cliente riceve una fattura di sintesi di facile lettura, in cui sono raggruppate le voci principali della bolletta. La Carica non scade mai. Se per caso i tuoi consumi effettivi fossero minori della Carica, l’importo eccedente ti verrà riaccreditato nei successivi conguagli. Puoi controllare autonomamente dei consumi grazie a un’applicazione che consentirà a ogni utente di sapere in tempo reale quanto spende attraverso un’autolettura. La Carica può essere sempre modificata senza costi aggiuntivi nell’area riservata del sito, tramite app o scrivendo a clienti@wekiwi.it. La nostra start up ha introdotto un’offerta molto innovativa nel mercato retail dell’energia in Italia. Se ancora non ci conosci e vuoi scoprirci, contattaci ora e scegli la tua Carica mensile! 

 

In evidenza