Perché il salvavita scatta?

Salvavita: cos’è e come funziona

Il salvavita è un dispositivo di sicurezza, conosciuto anche con il termine tecnico di interruttore differenziale. La sua presenza è di vitale importanza all’interno di un impianto elettrico, tanto da essere regolarizzata per legge. Lo scopo del salvavita è quello di interrompere in maniera istantanea il flusso di corrente in caso di guasto, in modo tale da evitare dispersioni elettriche ed eventuale sovraccarico elettrico, proteggendo sia le persone che i dispositivi collegati alla rete principale. Quando il salvavita non funziona, gli sbalzi di corrente possono diventare pressoché continui, e questo a lungo andare finisce con il danneggiare il corretto funzionamento dell’intero impianto elettrico. Un impianto elettrico a norma deve essere dotato pertanto di un interruttore differenziale, in grado di rilevare la differenza tra le correnti elettriche in entrata e quelle in uscita. Nel caso in cui questa differenza dovesse risultare superiore ad una determinata soglia, il salvavita scatta e l’erogazione di energia viene ad essere immediatamente interrotta.

Perché il salvavita scatta? Tutte le possibili cause

Uno dei motivi più frequenti per cui il salvavita scatta è rappresentato da un corto circuito in atto, dovuto a sua volta a qualche tipo di malfunzionamento dell’impianto elettrico. Talvolta può venire ad instaurarsi un contatto tra due conduttori, per cui il salvavita salta in modo da interrompere immediatamente il flusso di corrente ed evitare un sovraccarico elettrico pericoloso. Un’altra situazione molto comune è quella per cui più elettrodomestici sono messi in funzione nello stesso momento e producono pertanto un impegno di potenza eccessivo. Cause meno frequenti ma ugualmente importanti di azionamento dell’interruttore salvavita sono quelle legate al maltempo: fulmini e pioggia intensa possono danneggiare l’impianto e gli elettrodomestici, provocando infiltrazioni d’acqua e condense.

Che cosa fare se il salvavita scatta?

Un salvavita che scatta con una certa frequenza ed apparentemente senza motivo è senza dubbio il segnale che qualcosa non va come dovrebbe. La prima cosa da fare in questi casi è quella di verificare che l’interruttore differenziale non sia danneggiato: per escludere questa possibilità basta semplicemente premere il pulsante del test presente sul quadro elettrico. Se il pulsante non scatta o comunque impiega troppo tempo ad interrompere la corrente, è bene intervenire cambiando il dispositivo. Il passo successivo da compiere è quello di verificare la potenza dell’impianto domestico, andando a ricercare quest’informazione sulla bolletta della luce. Il salvavita, infatti, potrebbe scattare semplicemente perché la potenza garantita dal proprio impianto non è sufficiente a soddisfare le esigenze quotidiane.

Che cosa si intende per aumento potenza del contatore

Quando il tipo di contratto stipulato con il proprio fornitore di energia elettrica non rispecchia le necessità reali di consumo domestico, una delle possibili strade da percorrere è quella di richiedere un aumento di potenza del contatore. Questo risulta senza dubbio il sistema più efficace e duraturo per evitare che il salvavita scatti ogni qualvolta in casa ci siano più elettrodomestici in funzione nello stesso momento. Si tratta di una procedura semplice e veloce, in quanto tutto ciò che occorre fare è controllare in bolletta la potenza massima riportata tra i dati di fornitura e la tipologia di contratto luce, e richiedere al fornitore l’erogazione di un livello superiore di energia elettrica.

Manutenzione impianto elettrico e salvavita: tutto quello che c’è da sapere

Un’adeguata manutenzione di impianto elettrico è indispensabile per tutelare la sicurezza e il benessere di chi vive all’interno delle mura domestiche. Queste operazioni di controllo, che prevedono anche l’ausilio di un misuratore di consumo elettrico, devono essere eseguite con cadenza periodica, in modo da riuscire a prevenire problemi ed eventualmente accorgersi con tempestività del fatto che il salvavita non funziona correttamente. Verificare di avere un impianto elettrico a norma, con l’interruttore salvavita pronto ad interrompere la corrente in caso di pericolo di cortocircuito, aiuta anche a preservare il buono stato di funzionamento degli elettrodomestici, che potrebbero rischiare di essere compromessi o danneggiati dai continui sbalzi di tensione.

Monitoraggio del consumo elettrico e misuratore d’isolamento: cosa fare per evitare il sovraccarico

Il modo più efficace per ridurre al minimo i consumi è quello di eliminare tutte le possibili cause di dispersioni elettriche, che è possibile individuare attraverso l’utilizzo di un semplice misuratore d’isolamento. Quando le mura domestiche sono ben isolate, non vi è il rischio di sprechi che potrebbero incidere negativamente in bolletta. Per verificare l’assenza di dispersione tra conduttori e masse metalliche dell’apparecchio, è necessario ricorrere all’ausilio di un misuratore di consumo elettrico. Una volta munitisi di quest’apparecchio, si va a staccare uno alla volta gli elettrodomestici e si esclude l’eventualità che sia proprio un elettrodomestico non ben isolato la ragione per cui il salvavita scatta.

Come risparmiare sul consumo elettrico con wekiwi

La scelta del proprio fornitore di energia è senza dubbio importante ai fini del risparmio. Wekiwi punta soprattutto sui valori di trasparenza e versatilità, offrendo ai propri clienti soluzioni flessibili e adatte alle esigenze del singolo caso. L’app wekiwi dedicata alla gestione dei consumi permette ad esempio di tenere traccia in ogni momento dei dati delle utenze personali di luce e gas, assicurando anche l’accesso in tempo reale ad eventuali sconti ed offerte disponibili per il proprio profilo. Tra i servizi che wekiwi offre alla propria clientela vi è quello della Carica Mensile, che rende più semplice ed efficiente l’esperienza di fornitura, permettendo di scegliere in prima persona l’importo delle fatture in acconto e la periodicità dei pagamenti. A seconda delle preferenze personali, è possibile optare per la Carica Mensile trimestrale o quadrimestrale, senza correre il rischio di pagare più del dovuto. Nel caso in cui la carica sia pari all’importo medio della spesa mensile, infatti, wekiwi prevede l’applicazione di uno sconto carica su tutti i consumi di luce e gas. Se poi al momento dell’erogazione della fattura di conguaglio, dovesse risultare che i consumi di energia siano inferiori alla carica versata, la quota in eccesso verrà puntualmente restituita nella bolletta successiva. La possibilità di scegliere tra prezzo fisso e variabile fa sì che ogni cliente sia in grado di pianificare al meglio la propria fornitura.

In evidenza